Il caso AMC Entertainment e i “Meme Stocks”

AMC Entertainment

Condividi

Il Caso AMC Entertainment dopo GameStop

Il 2020 ha segnato un cambio strutturale al mondo dell’investimento. Sono arrivati sul mercato nuovi partecipanti, i retail investors alla ricerca del guadagno facile attraverso la leva finanziaria. Gli investitori retail nel 2020 hanno avuto una performance migliore dei più grandi fondi di investimento. Lo stesso Pure Alpha II fund di Ray Dalio (Bridgewater Associates) a Novembre 2020 era in negativo del 19%. 

Questi grandi fondi quantitativi che spendono miliardi di $ ogni anno in dati alternativi, ricercatori e infrastruttura per avere una performance superiore al mercato, non sono stati in grado di inserire nei loro modelli un dato molto importante: le emozioni umane.

I prezzi di mercato sono la causa delle emozioni dei suoi partecipanti. La giornata di ieri ne è un’altra testimonianza. Dopo il caso di GameStop ora abbiamo il caso AMC. Per chi non ha seguito la vicenda di GameStop ne abbiamo parlato in un Podcast con Warren Buffett Italia.

LINK AL PODCAST. EPISODIO SU GAMESTOP

AMC Entertainment Holding (AMC), società americana nel business dei teatri e sale cinematografiche ieri ha avuto una performance del +95%. Le sale cinematografiche stanno riaprendo, ma l’impatto sulle vendite di AMC si sono sentite. Nonostante questo guardate alla performance di AMC da inizio 2021.

AMC Preformance

 

Il titolo ieri ha superato i $72 per poi essere halted per eccessivo rialzo. Ha chiuso poi a $62.55.

Qual’è la ragione di questi rialzi su AMC Entertainment e i Meme Stocks? 

Il Tema dei “Meme Stocks” ne ha beneficiato. Le altre azioni coinvolte nel caso GameStop hanno anche loro avuto una performance a doppia cifra: Bed Bath and Beyond (BBBY) +62%, Naked Brand Group (NAKD) +29%, e BlackBerry (BB) +32%, Koss Corporation (KOSS) +69%.

 

AMC Meme Stock

 

Gli Hedge Funds e i Meme Stocks

Gli Hedge Funds questa volta sembrano molto più aggressivi rispetto all’altra volta. Infatti le posizioni short contro i single stocks sono al livello più alto negli ultimi 12 mesi – questo è secondo il prime brokerage di Goldman Sachs. 

Infatti anche in AMC Entertainment lo short interest è molto alto. È raddoppiato dalla settimana scorsa. Circa il 20% delle azioni outstanding sono shortate. E oggi dopo l’aumento del prezzo, lo short interest è sceso solo al 19%. Quindi è una dinamica completamente diversa rispetto a Gennaio e GameStop. Ai tempi, gli Hedge Funds furono molto veloci a chiudere gli shorts facendo partire il famoso short squeeze.

Ora cosa hanno capito gli Hedge Funds? Che questi rialzi sono spinti dalla leva finanziaria. Più specificamente i retail usano le call options. Queste call options costringono i market makers ad andare lunghi usando azioni. In pratica gli investitori usano ATM o ITM calls e per questo motivo i market makers devono comprare o vendere azioni per coprire la loro esposizione. Più sale il prezzo, più aumenta il costo del premium. Quindi all’apice ci sono due fattori che riportano il prezzo giu:

  • Monetizzazione: quelli che monetizzano chiudono le calls e monetizzano. Dall’altra parte i market makers chiudono le posizioni in azioni con la chiusura delle calls e questo è bearish per il mercato
  • Il premium: più il prezzo sale più aumenta il costo del premium delle calls. E per questo motivo meno investitori possono accedere alle call visto il prezzo

Quindi, gli hedge funds hanno la lama tra i denti questa volta. Che il prezzo scenderà è matematico. È però una questione di tempo. Ed è qui che gli Hedge Funds devono stare attenti. Quanto tempo hanno, e soprattutto quanto cashflow da buttare nei variation margins prima di essere costretti alla chiusura delle posizioni? The fight goes on.

Ti potrebbe interessare:

Condividi

«
»