Panico Borsa. Piazza Affari perde il 4%.

Panico di Mercato

Condividi

Cosa sta succedendo sui mercati?

Il 26 Marzo al Sole 24 Ore, era appena cominciato il crollo di Mercato peggiore della storia. In quella situazione spiegammo perchè il COVID-19 era stato solo lo spillo che aveva bucato la grande bolla del debito. Questo è il link all Articolo pubblicato.  Dopo il 2008, le Banche Centrali avevano letteralmente inondato i mercati di liquidità portando i tassi d’interesse a 0%. Un esercizio monetario, che ha l’obiettivo di spronare l’attività economica reale. In quel periodo si sono letteralmente indebitati tutti, dai singoli fino ai governi. Questi sono i tassi d’interesse in netto declino.

Panico di mercato

Cosi mentre crollavano i tassi, il debito privato e pubblico aumentava

Perchè questo è un problema?

Perché non vi è inflazione e la crescita è crollata. Infatti per ripagare il debito o riuscire ad alzare i tassi d’interesse le economie hanno bisogno di inflazione in modo da svalutare le monete o crescita che tramite il PIL riesce a ripagare il debito. 

Che cos’è successo nei mercati negli ultimi anni?

Gli investitori hanno usato leva per aumentare il loro potere d’acquisto. Specialmente nell’ultimo periodo, abbiamo visto un aumento delle opzioni calls sugli indici azionari. Ci sono due concetti importanti per capire come la leva finanziaria spinge i mercati:

  • Per esempio se ho 10 dollari e investo 10 dollari, il mio peggior risultato è la perdita di 10 dollari. E fin qui l’equazione è abbastanza semplice. Se invece mi indebito che succede? I miei 10 diventano 20. Quindi riesco a comprare altre azioni per 10, ovvero i miei 10 più i 10 della banca o broker. Partiamo da un esempio senza leva, prendiamo l’indice S&P500 come esempio. E prendiamo come esempio un prezzo di circa 2300 dollari. Se compro un’azione dell’indice S&P500 per 2300 dollari, ed il prezzo dell’ S&P500 scende del 10% il nuovo prezzo sarà di 2070. In questo caso avrei perso circa 230 dollari. Ora usiamo lo stesso esempio con leva. Se investiamo in un future dello S&P500 possiamo usare leva 50 volte (indebitarsi per 50 volte il prezzo dell’ S&P500). Quindi in questo caso un contratto sarebbe di 2300 * 50 = 115.000 dollari. Questo sarebbe il valore della mia posizione. Se il prezzo cade del 10%, non perdo più solo i 230 ma perdo il 10% di 115.000 ovvero 11.500 dollari.
  • Vi sono poi le opzioni. In questi casi quando gli investitori entrano aggressivamente nel mercato comprando calls, spingo in mercato al rialzo perché i brokers o le banche sono costretti a coprire sempre la posizione opposta rispetto agli investitori. Per esempio, se io compro una call, la banca che mi ha venduto la call si deve proteggere comprando azioni. Più aumentano le call e più le banche che vendono le call devono comprare azioni e questo crea momentum nel mercato che va rialzo

Cosa rischia di succedere nel mercato? 

Finché il mercato sale tutto va bene, ma il momento che la legge di gravità entra in azione, la situazione degli investitori si complica se ce la leva di mezzo. Quando il mercato comincia a crollare, se abbiamo leva, la banca ci chiede quello che si chiama margin call. E noi dobbiamo pagare per tenere la posizione aperta oppure la banca o broker può liquidare (vendere) le nostre posizioni. Ed è quello che è successo a Marzo e che rischia di succedere nei prossimi giorni. Si innescata una catena di vendite e rincorsa alla liquidità. Da una parte abbiamo gli intermediari che vendono le posizioni dei loro clienti che non riuscivano a coprire le margin calls, in modo da salvaguardare le loro linee di credito. Dall’altra abbiamo investitori che pur di non chiudere le loro posizioni vendono assets molto più liquidi come l’oro per pagare i brokers.  Questo è uno dei motivi per i quali vediamo crollare anche loro nelle crisi di mercato. 

Il mercato è short?

Il mercato al momento si sta cominciando a coprire. Sotto i $3400 come potete vedere nel grafico gli investitori sono hedgiati con delle puts sull’indice S&P 500. Come nel caso delle calls, più il prezzo scende, più i partecipanti si hedgiano e le banche che hanno venduto le puts devono prendere la posizione opposta agli investitori portando il mercato sempre più giù.

Crisi di mercato

Da investitori in questo momento, è importante avere un portafoglio ben diversificato. Se quando avete creato il portafoglio l’avete fatto nel modo giusto pensando al vostro orizzonte temporale e avete il giusto mix di assets, allora potete stare tranquilli. In un futuro immediato crediamo che il mercato continuerà ad assestarsi. In questa prossima crisi la Federal Reserve avrà meno cartucce per salvare i mercati. Lo stesso vale per gli stimoli fiscali. I governi sono già indebitati fino al collo, aumentare ancora di più la leva potrebbe essere un problema. In quest’altro articolo al Sole 24 Ore abbiamo parlato della volatilità e di alcune strategie di protezione. 

Buon Investimento. 

Se avete domande ci potete contattare al nostro twitter o al nostro sito

@theimmigrant84

www.investirecomeimigliori.com

Condividi

«
»

Leave a comment:

Your email address will not be published. Required fields are marked *